Record per l’indice Dow Jones nella sessione di mercoledì

Questa settimana è molto importante da analizzare rispetto alle reazioni dei principali mercati finanziari sul dopo Trump. Ad inizio settimana, si è avuta una prima incertezza dei mercati nel primo giorno ufficiale di quotazioni dall’insediamento di Trump, per poi passare a quotazioni positive per le più importanti Borse Europee. Nella giornata di ieri (25 gennaio 2017) Piazza Affari apre la sessione mattutina con il risultato di migliore Borsa Europea, guidata soprattutto dalle ottime performance raggiunte dal titolo della Generali. Inoltre, sempre nella giornata di ieri, l’indice Americano del Dow Jones, ha raggiunto i massimi storici nella sua quotazione, con il risultato di 20000 punti e in riferimento ad un indice che contiene le 30 imprese americane più importanti.

Dow Jones raggiunge record storici nella sessione di ieri toccando 20000 punti

Il Dow Jones è uno degli indici più importanti a livello internazionale e nella giornata di mercoledì ha raggiunto uno dei migliori risultati. Il suo rialzo, ha raggiunto quota 20000 punti e considerando l’utilizzo del suddetto indice nel rappresentare le performance delle 30 migliori società americane, ci troviamo dinanzi ad un risultato importantissimo per operazioni di trading online. dow jones news

Al suo interno, infatti, ritroviamo imprese anche importanti a livello internazionali e in settori tra i più competitivi come quello bancario (Goldman Sachs) e della tecnologia (Apple). Ritornando al risultato registrato nella giornata di ieri, parliamo anche di un livello storico raggiunto dal suddetto indice e che mancava da oltre 17 anni. Cosa potrebbe incidere su questo sorprendente risultato dell’indice Dow Jones? L’elezione di Trump e il suo recente insediamento nello scorso fine settimana, potrebbero in parte aver condizionato questo risultato e portato ad una valutazione più che positiva delle 30 imprese americane contenute al suo interno. Attesa, quindi, anche per la giornata di oggi 26 gennaio 2017, al fine di verificare se il sorprendente risultato possa essere confermato e rappresentare una nuova e interessante opportunità di investire sul segmento americano.

Interessanti anche i risultati raggiunti da altri importanti indici americani come il Nasdaq (ossia l’indice sui più importanti titoli tecnologici) che ottiene un +0,65% sulla sua quotazione (con un risultato di 5.635 punti) e per l’indice S&P (che racchiude le 500 aziende americane con una maggiore capitalizzazione) che ottiene un + 0.45% (con un risultato di 2.290 punti).

Altri importanti risultati sui mercati Americani per gli indici internazionali e per il mercato del forex, un confronto tra ieri e oggi

Wall Street ha realizzato nella giornata di ieri altri importanti risultati e che al momento promuovono l’attuale e nuovo Governo Trump. Sono state ad esempio, pubblicate informazioni di rilevanza rispetto ai dati dei conti delle trimestrali di importanti società internazionali e mosse prime intenzioni da parte del nuovo Presidente Americano sulle prossime politiche nel paese (come nel caso di nuove misure sul protezionismo).

Dal mercato azionario a quello delle materie prime, è da rilevare come il prezzo del petrolio non abbia brillato su New York, registrando performance ancora negative e in ribasso con scambi del suddetto bene per un prezzo di 52,71 dollari al barile. Mentre rispetto al mercato del forex, le quotazioni su Euro e Dollaro, restano ancora su valori stabili e in un’area di 1,07, seguito da quotazioni al rialzo per Sterlina e Dollaro compresi in un range di 1,26.

Nella giornata di oggi 26 gennaio 2017, i risultati rispetto al mercato del forex e delle materie prime sembrano essere confermati sulla medesima scia, con risultati su:

  • Quotazione Euro e Dollaro di 1,07404.
  • Quotazione di Sterlina e Dollaro di 1,26598.
  • Quotazioni petrolio di 53,11 (piccoli rialzi rispetto alla sessione di ieri).

Mentre per i nuovi risultati dei principali indici Americani e per la verifica di nuove conferme, cresce l’attesa per l’apertura di oggi pomeriggio e verso una conferma di un risultato già sorprendente raggiunto nella giornata di ieri 25 gennaio 2017. per investire sulle valute, ti invito ad approfondire l’argomento relativo al trading online.

plus500

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*