Metalli preziosi e titoli bancari guidano i migliori mercati di metà settimana

Le materie prime, sono tra i migliori mercati rispetto ai primi dati confrontati sulla sessione mattutina del 20 dicembre 2017. Tra i principali asset da monitorare, soprattutto Petrolio e Gas Naturale con performance molto interessanti. Sul settore del forex, sono presenti diversi ribassi da analizzare graficamente per studiarne prossime reazioni e in particolare rispetto al tasso di cambio tra Euro e Dollaro. Sull’azionario, invece, è un buon momento per i titoli bancari come Unicredit, Intesa e Gruppo Bper.

Materie prime tra i migliori mercati di metà settimana per un investimento online

Le materie prime sono tra i settori più interessanti di questa sessione di metà settimana e con diversi asset da poter analizzare per investirvi online. Tra i migliori, il petrolio con trend di 57.72 dollari e il Gas Naturale con valori in crescita di 2.745.

Con riferimento ai dati della sessione del 20 dicembre 2017, altri interessanti risultati sul settore sono su:

  • Oro. La quotazione mattutina in questa sessione, è su valori di 1264 dollari. Il trend settimanale si sta mantenendo su valori abbastanza stabili confermando il buon momento a metà settimana del metallo prezioso.
  • Argento. Le quotazioni viaggiano su valori positivi di 16.133 contro un trend settimanale che conferma analoghe performance sul metallo prezioso.
  • Rame. L’asset è su valori positivi e in crescita di 3.1355 e rispetto al primo trend settimanale, mostra una interessante crescita da poter monitorare graficamente nel breve termine prima di inserire dei nuovi ordini in piattaforma.

Tra i principali dati della sessione odierna sulle materie prime, è anche da notare un lieve ribasso da parte del Palladio. I valori della mattina del 20 dicembre 2017, infatti, sono su 1018.75 dollari.

Mercato forex in lieve ribasso nei primi dati di metà settimana

Se i primi dati di metà settimana mostrano trend in prevalenza positivi sul mercato delle materie prime, lo stesso non può dirsi per il mercato del forex. Euro e Dollaro, ad esempio, sono in ribasso su valori di 1.1835, mentre Euro e Sterlina sono su valori di 0.8840.

analisi mercati
Le analisi sui mercati di metà settimana, evidenziano tra i migliori tassi di cambio, Sterlina e Dollaro

Anche in questo caso, si tratta di lievi ribassi, che con una buona analisi grafica nel breve termine possono essere monitorati con maggiore attenzione per decidere i prossimi investimenti sul mercato forex. Da notare, anche trend positivi registrati in questa mattinata del 20 dicembre 2017 sul forex e in particolare da Sterlina e Dollaro con valori di 1,3393.

Dall’importanza di una buona analisi grafica, in vista dei lievi ribassi presenti al momento sui principali tassi di cambio del mercato forex, può essere utile considerare gli eventi macro di questa sessione del 20 dicembre 2017.

Tra i più importanti, il discorso del Governatore della BoE (evento ad alta rilevanza sulla Sterlina) e i dati sulle scorte di petrolio greggio (evento ad alta rilevanza sul Dollaro). Entrambi gli eventi macro saranno pubblicati in questo pomeriggio.

Buon momento per i principali titoli bancari sul settore azionario di metà settimana

Completiamo i nostri confronti di metà settimana, con i dati a pochi minuti dall’apertura di Piazza Affari, i principali titoli azionari. Da notare subito, come sia un buon momento per l’ambito bancario e per i seguenti titoli:

  • Unicredit. Con un prezzo di apertura positivo di 16.5125 e un trend che continua in questa direzione anche per le successive quotazioni, Unicredit è al momento tra i migliori titoli bancari di metà settimana.
  • Intesa. Le attuali quotazioni sono in crescita e su valori di 2.8046. Il precedente prezzo di chiusura era su valori di poco inferiori, confermando un buon momento anche per questo importante asset bancario.
  • Gruppo Bper. Interessanti performance per il suddetto titolo bancario. Il prezzo di apertura nella sessione mattutina del 20 dicembre 2017, infatti, è su 4.306.

Trend positivi sempre sul settore bancario, anche per i titoli di Banca Generali e Mediobanca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*