Argento e tassi cambio Euro tra i migliori trend di metà settimana

La sessione di metà settimana dell’08 novembre 2017 apre con i migliori trend in crescita da parte dell’Argento e un primo arresto da parte del Petrolio su valori di 56 dollari. Tali risultati, saranno oggetto delle principali analisi odierne accanto ai primi dati della mattinata su forex e azioni. Per il mercato valutario, infatti, continua a registrarsi un trend positivo sui principali tassi di cambio dell’Euro, mentre Piazza Affari si presenta al momento con una apertura di metà settimana in negativo.

E’ l’Argento la migliore materia prima di metà settimana

L’Argento apre la sessione di questa metà settimana sulle materie prime con un range in crescita di 17,042. Graficamente, ritroviamo un trend crescente che continua da più sessioni e che è importante da osservare nel breve termine per inserire dei nuovi investimenti sul settore.

Range in crescita, anche per altre importanti materie prime come:

  • Oro con quotazioni di 1278.56. Il trend settimanale è abbastanza stabile e ha subito un lieve ribasso solo nel pomeriggio della sessione di ieri. Ad oggi, si conferma appunto in positivo.
  • Palladio. Il range è positivo e con quotazioni che hanno raggiunto in questa metà settimana dei valori di 997.78.

Per il petrolio, è invece da notare un primo stop su valori di 56,90. Tuttavia, pur essendoci dei ribassi è da considerare come questa materia prima abbia registrato nelle precedenti sessioni dei trend in positivo. E che gli stessi potrebbero ripresentarsi nel breve termine.

In questa fase, è quindi importante porre delle buone analisi grafiche e nel contempo formarsi con una guida di trading pratico per principianti per assimilare le principali competenze per condurre le migliori analisi grafiche sulle materie prime.

Quali risultati a metà settimana sul mercato forex?

Risultati interessanti anche per la sessione forex di metà settimana. Diversi, infatti, i tassi di cambio con trend positivi come:

  • Euro e Dollaro. Trend al rialzo di 1,1597. I valori sono abbastanza stabili anche nel corso delle prime sessioni settimanali e utili per considerare ad oggi tale alternativa di investimento online.
  • Euro e Yen. Trend positivo su valori di 132,030 per le due valute e che rispetto ad un confronto con le prime sessioni settimanali mostra quotazioni stabili e in crescita.
  • Euro e Sterlina con valori positivi e in crescita di 0.8825 e che si aggiungono al buon momento settimanale dei principali tassi di scambio con l’Euro.
trend settimana
Quali sono i migliori trend di metà settimana?

In lieve ribasso, le transazioni di scambio tra Sterlina e Dollaro. Ad oggi 08 novembre 2017 i tassi sono su valori negativi di 1.3141.

Rispetto ai dati macro più importanti presenti in un calendario forex, è da notare che sono presenti pochi eventi sull’Euro e principalmente a bassa rilevanza. Sul Dollaro, invece, si attendono per questo pomeriggio i dati sulle scorte di petrolio greggio.

Il dato, è ad alta rilevanza sulla moneta americana e importantissimo da analizzare per i prossimi investimenti su tali tassi di cambio.

Piazza Affari apre in ribasso sui principali titoli italiani di metà settimana

Su Piazza Affari, invece, le principali aperture sui titoli italiani segnano valori in ribasso. E’ importante, continuarne le analisi sotto il profilo grafico in modo da capire se i suddetti trend saranno confermati o se alcuni titoli potranno riprendere un diverso trend. Tra i principali titoli da poter tenere sotto controllo graficamente, possiamo ritrovare:

  • Eni con range di 14.6929. E’ tra i minori ribassi della sessione di metà settimana. Il suo prezzo di chiusura nella precedente sessione era su valori di 14,687.
  • Ferragamo con range di 22.745. Anche in questo caso è più basso il differenziale con il precedente prezzo di chiusura su Piazza Affari.

Medesimi trend in negativo anche per i principali titoli bancari di metà settimana a cui affiancare analisi grafiche intraday per ulteriori studi sui prossimi investimenti azionari.

 

 

2684_300x250

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*