Wall Street e Milano Piazza Affari, reazioni nel fine settimana?

L’ultima giornata della settimana, si attesta verso una situazione di stabilità e conferma di importanti risultati raggiunti nel corso di questi giorni da parte di Wall Street e sulle principali Borse Europee, tra cui proprio Piazza Affari e il comparto del settore finanziario e bancario (in riferimento agli attuali andamenti di Generali, Intesa- San Paolo e Unicredit).mercati analisi

Wall Street conferma le aspettative sul Dow Jones. Ribasso lieve invece per l’indice S&P

A metà settimana, Wall Street aveva raggiunto uno dei risultati più interessanti sul fronte dei mercati azionari con l’indice di Dow Jones (incisivo per rappresentare le performance delle 30 migliori aziende americane) che ha raggiunto quota 20000. Da qui, l’interesse soprattutto per la giornata di ieri delle risposte su Wall Street e di una conferma o meno verso questo importante risultato per l’ultima sessione della settimana.

mercati analisiEbbene, l’indice di Dow Jones non ha deluso le aspettative per la giornata di ieri, fissando un nuovo massimo nella sua quotazione di 20126 e chiudendo nella sessione con 20101. Tale risultato può essere quindi visto alla luce di una prima conferma delle ottime performance da parte dell’indice di Dow Jones (che comunque resta ancora nel range dei 20000, ma con piccole variazioni al momento) e di una risposta positiva al momento da parte delle principali imprese americane sui mercati finanziari e per la prima settimana del nuovo Governo Trump.

Da contrapporre alla conferma del rialzo dell’indice di Dow Jones, un piccolo ribasso toccato invece dall’altro indice di riferimento americano, l’S&P500. Tale indice, infatti, si è fermato su 2.297 punti e con una variazione in ribasso di -0,07%. In ribasso seppur minimo anche il Nasdaq (-0,02 e 5655 punti). Per approfondire al meglio i risultati sorprendenti raggiunti dalla Borsa Americana nel metà settimana e dai due indici più importanti, puoi leggere qui: Record per il Dow Jones nella sessione di mercoledì

Borsa di Tokyo e Borse Europee, i dati più rilevanti del fine settimana

Spostando l’attenzione dal mercato Americano, possiamo evidenziare una chiusura interessante da parte della Borsa di Tokyo. Con un rialzo soprattutto da parte del suo indice più rappresentativo, il Nikkei. Performance positive, anche da parte delle principali Borse Europee e con riferimento a Piazza Affari, continuano su tale scia le azioni del comparto finanziario come Generali (quotata su 15.385 in queste prime ore della giornata). Unicredit e Banca Intesa-San Paolo, invece, segnano al momento dei valori al ribasso (tuttavia è comunque da monitorarle per eventuali nuove variazioni della giornata, soprattutto rispetto alla San Paolo e al recente rumor sulla Generali).

Se per l’apertura di Wall Street e per conoscere se anche questo Venerdì conferma le ultime tendenze evidenziate con performance positive per l’indice di Dow Jones e per l’indice S&P, sarà necessario attendere questo pomeriggio. E’ possibile affrontare a poche ore dall’apertura delle principali Borse Europee, i risultati registrati e la tendenza prevalente di questo fine settimana finanziario. Piazza Affari, ad esempio, apre solo con un piccolo rialzo delle sue quotazioni e presente una apertura del suo indice più rappresentativo di +0,14% (Ftse Mib) mentre le restanti Borse Europee sembrano non confermare la tendenza della settimana positiva e partono con prime incertezze e pochissime variazioni rispetto alle quotazioni presenti sulle principali sessioni. Francoforte e Parigi, in particolare, sono quelle con un avvio più lento in questo fine settimana.

Altri andamenti importanti da rilevare rispetto ai principali mercati finanziari? Lieve rialzo del petrolio a 53,9 dollari per il petrolio e quotazioni di Euro e Dollaro di 1,0695 e di Sterlina e Dollaro di 1,25650. Per approfondire queste ultime informazioni sul mercato forex e delle principali tendenze settimanale da parte di valute molto importanti come quelle citate, puoi leggere qui: Quotazioni di fine settimana su Sterlina, Dollaro ed Euro, tendenze prevalenti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*