Risultati del fine settimana e migliori asset per un investimento

Le analisi di questo fine settimana sono sui principali mercati finanziari e sui risultati più importanti da poter osservare per definire dei nuovi investimenti online. Sulle materie prime, ad esempio, vi è un buon risultato da parte di Petrolio e Oro, mentre sul forex è da potersi concentrare rispetto a scambi tra Euro e Sterlina. Euro e Dollaro, infatti, è ancora molto volatile seppur più stabile su un range verso 1,18. Spazio anche per l’azionario, con i dati sulle prime aperture in Piazza Affari e sui migliori titoli italiani come Campari, Ferragamo, De’ Longhi e principali titoli bancari come Mediobanca e Intesa.

Petrolio e Oro, ecco i principali dati del trend di fine settimana

Il petrolio, raggiunge nel fine settimana un valore in ribasso di 51,48. Dopo un ottimo risultato raggiunto nel corso di tutta la settimana e con un picco appena nella precedente sessione di 52,75, l’asset registra dei cali dei prezzi e prima di poter essere considerato in termini di investimento, dovrà essere ben osservato onde capire laddove ci dovesse essere una nuova ripresa e un ritorno al trend settimanale di 52 dollari.

Grande ripresa, invece, per l’Oro. Il trend settimanale, era partito da valori di 1294 fino al calo massimo nella precedente sessione a 1279,07.

Ad oggi, si registrano dei primi segnali di ripresa e tali da poter valutare un investimento in questo importante asset delle materie prime. In positivo nel fine settimana, anche i primi dati su Palladio (con range attuali di 940,55) e Argento (con range di 16,866).

Dati positivi sul fine settimana forex per Euro e Sterlina ed Euro e Dollaro

Dati positivi nel fine settimana forex su Euro e Sterlina con range registrati di 0,8787. Ad inizio settimana, i valori del suddetto tasso di cambio viaggiavano su analoghi valori raggiungendo nella sessione precedente anche un picco di 0,88058. Interessanti saranno quindi le prossime analisi grafiche per valutare la possibilità di inserimento di un nuovo ordine sul mercato forex.

Il grande protagonista della settimana forex, è stato il tasso di cambio Euro e Dollaro con valori su 1,20 solo nella scorsa settimana. Ad una alta volatilità successiva che ha portato verso ribassi anche a 1,17, ad oggi 29 settembre 2017, il trend è più stabile e mostra una prima ripresa delle due valute. Poter eseguire delle ulteriori analisi grafiche sarà quindi importante per investire anche su questa operazione grazie all’ausilio dei migliori strumenti offerti da broker con nuovi regolamenti Cysec per proteggere i trader.

mercati fine settimana

Uno sguardo anche ai dati macro, può completare il suddetto percorso di analisi sui due tassi di cambio analizzati. Nella mattinata, infatti, saranno pubblicati i dati sui tassi di disoccupazione in Germania (alta volatilità sull’Euro) i dati sul Pil inglese (alta volatilità sulla Sterlina). Inoltre, saranno pubblicati nel pomeriggio diversi dati macro a media volatilità sul Dollaro come i report sulle spese personali e l’indice di fiducia del Michigan.

Dati del fine settimana sui migliori titoli di Piazza Affari

Analisi del fine settimana anche sull’azionario e rispetto alle prime aperture positive su Piazza Affari. In merito, Poste Italiane è tra i migliori titoli della prima sessione mattutina con una apertura su 6,20 e un trend positivo che continua sulle successive quotazioni. Seguono titoli come Campari con apertura a 6,248, Ferragamo con apertura a 23,956 e De’Longhi con apertura a 26,608.

Per il settore bancario, infine, i dati di fine settimana mostrano trend abbastanza positivi sui principali titoli. In particolare tra i migliori, MedioBanca con un range positivo di 9,079 e Intesa con range positivi di 2,9946. Da evidenziare, come siano presenti anche alcuni trend negativi sul settore bancario da parte del titolo Unicredit, da osservare comunque sotto il profilo grafico per eventuali investimenti in caso di nuovi cambiamenti di prezzo nel bancario.

Plus500

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*