Piazza Affari in pressione per possibile uscita Francese dall’Euro

Inizio settimana incisivo nell’ambito del settore finanziario e rispetto a nuove incertezze politiche che si stanno creando in questi giorni nell’area Euro. In particolare, sono presenti dichiarazioni soprattutto da parte della Francia di una volontà di uscita dall’Euro. Oltre ad analisi specifiche su Piazza Affari, ci occuperemo anche di un utile confronto rispetto alla chiusura registrata per la giornata di ieri 06 febbraio 2017 su Wall Street.

L’attuale clima politico e prime conseguenze sui principali mercati internazionali

Il mondo politico e le ultime dichiarazioni da parte della Francia di una possibile uscita dall’Euro, sta avendo diverse ripercussioni sui principali mercati europei. Sembra probabile una maggiore volontà da parte della Francia di uscire dall’Euro e di ritornare verso la vecchia moneta, ossia con una decisione al pari di quella adottata di frequente proprio dal Regno Unito con la Brexit. In quel caso, la Sterlina ha registrato forti volatilità nel periodo estivo della votazione e ancora oggi a seguito di prime decisioni ufficiali per formalizzare l’uscita votata dai cittadini inglesi in referendum, ne risente ancora in termini di quotazioni. Di conseguenza, una medesima azione anche da parte della Francia o anche la sola volontà nel prevedere una misura analoga, sta portando ad un clima di forte incertezza nella zona Europea.

 Prima di passare ad una analisi sull’apertura di oggi dei principali mercati Europei, uno sguardo a cosa è accaduto nella giornata di ieri 06 febbraio 2017 rispetto a Piazza Affari. Ebbene, l’indice Ftse Mib nel corso di tale giornata ha ottenuto un primo arresto per poi passare ad un calo e un valore compreso nell’area 18.750 nella fase finale di chiusura. Da notare, anche i dati dello spread di poco vicini all’area di 200 punti base e di effetti negativi soprattutto da parte dei titoli bancari, tra cui Unicredit (tra i titoli più volatili della giornata) e banco BPM.

Per la giornata di oggi 07 febbraio 2017, Piazza Affari apre in leggero calo e il valore dell’indice FTSE Mib presente una riduzione del suo valore compreso al momento nell’area 18.635. Il settore finanziario è a ancora in pressione e presenta al momento valori negativi soprattutto da parte del Titolo Unicredit. Per analisi più dettagliate rispetto alle quotazioni dei titoli azionari più interessanti della settimana, dei titoli più volatili e con trend consolidati, puoi leggere il seguente articolo: Investimenti azionari, dove conviene investire oggi? E rispetto alle reazioni degli altri paesi Europei a questo clima di incertezza politico legato ad una volontà anche da parte della Francia di potenziale uscita dall’Euro? Se su Piazza Affari a risentirne è soprattutto l’indice FTSE Mib e il comparto bancario, Londra e Parigi, sono tra le Borse a segnare una apertura nella giornata di oggi negativa,  contrapposte ad un risultato abbastanza stabile rispetto alla Borsa di Francoforte.

Da Piazza Affari a Wall Street, ecco come si preannuncia oggi il settore finanziario

Sulla scia di un confronto tra Piazza Affari rispetto alla chiusura di ieri e di ribassi forti sull’indice FTSE Mib e spread e all’apertura di oggi che ricalca al momento uno stesso trend, ecco anche un utile confronto rispetto a come si è mossa nella giornata di ieri 06 febbraio 2017 Wall Street e in attesa della nuova apertura in questo pomeriggio. analisi finanziarieI risultati registrati in tal caso, sono abbastanza stabili e mostrano piccole perdite da parte dell’indice Nasdaq e S&P rispetto a precedenti quotazioni. Piccolo ribasso anche da parte del Dow Jones. Tuttavia, è da notare come anche i mercati americani siano in questi giorni sotto pressione a seguito di reazioni sul mercato e volatilità possibili attese per le prime decisioni ufficiali da parte del nuovo Governo Trump e in particolare sulla nuova Deregulation nel settore finanziario.

Plus500

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*