Nuove analisi finanziarie della prima settimana di Aprile 2017

Nuove analisi settimanali per il mese di Aprile segnano aperture positive da parte dei principali mercati finanziari. Interessanti anche le conferme al rialzo sul settore delle materie prime da parte del petrolio e di un trend positivo da parte di tassi di cambio importanti come Euro e Dollaro e di Euro e Sterlina.

Breve riepilogo della passata settimana sulle ultime quotazioni di Marzo 2017

Prima delle consuete analisi di inizio settimana e per visionare l’apertura di questo nuovo mese di Aprile, ecco un breve riepilogo di come si è chiusa la passata settimana:

  • Andamento debole da parte di Wall Street sulle principali transazioni.
  • Spread che torna in salita e si registra attorno ad un range di 182 punti base.
  • Chiusura positiva per la Borsa di Milano nella sessione di fine settimana.
  • Il petrolio segna un importante rialzo sulle quotazioni delle materie prime toccando un range di 50 e che, tra l’altro, sarà tra i dati più importanti da osservare proprio in questo nuovo avvio settimanale.
  • Il tasso di cambio Euro e Dollaro, segue un trend al ribasso nel fine settimana, mentre il tasso di cambio Euro e Sterlina si conferma molto volatile dopo le prime decisioni formali sulla Brexit, segnando un ribasso delle sue quotazioni soprattutto nelle ore serali del 31 marzo 2017. Questi risultati, saranno importanti da osservare nel primo avvio della settimana.

Per ulteriori confronti tra i più importanti dati dello scorso fine settimana e prime analisi live di oggi 03 aprile 2017, puoi leggere il nostro articolo di approfondimento qui: Come investire in questo ultimo fine settimana di Marzo.

Prime analisi sul mercato delle materie prime e del forex del 03 aprile 2017

Nelle analisi live del 03 aprile 2017, ci sembra opportuno partire proprio dal settore delle materie prime e dalle ultime performance registrate dal petrolio. Quest’ultimo, nel fine settimana ha registrato un trend molto positivo, arrivando a toccare un massimo nelle ore serali del 31 marzo 2017 di 50,76.

Da notare, come il trend positivo, sembra confermarsi anche in questa nuova sessione della settimana, portando a registrare in questi minuti dei valori positivi e su un range di 50,70. Confermato un andamento ancora negativo sulle materie prime da parte dell’oro, con un range toccato in questi primi minuti del 03 aprile 2017 pari a 1247,22.

Sul forex, si apre con un trend positivo da parte del tasso di cambio Euro e Dollaro, seguito da un trend altrettanto positivo da parte di Euro e Sterlina (la risposta della moneta inglese ai primi atti della Brexit sembra quindi essere positiva, seppur importante continuarne ancora un monitoraggio in questa importante settimana economica).

Mercato azionario, dove investire in questa prima sessione settimanale?

Sul mercato azionario, gli ultimi dati del fine settimana sono su uno spread in rialzo e su una chiusura positiva su Piazza Affari. Mentre ad oggi 03 aprile 2017, i primi dati della mattinata sono ancora di uno spread in salita e di un avvio positivo da parte delle principali Borse Europee.

Tra i titoli più importanti che può essere opportuno osservare soprattutto sotto il profilo grafico per nuovi investimenti online? Partiamo dai titoli bancari e dalle performance positive di Bancaanalisi mercati settimana Generali (apertura del titolo a 24,478) Intesa San Paolo (apertura del titolo bancario su valori stabili di 2,37) e Banco BPM (con valori del titolo a 2,769).

Negative, le prime performance della mattinata da parte dei titoli bancari di Unicredit (apertura su valori di 14,3825) e del gruppo Bper (con apertura su valori di 4,660). Altri titoli importanti e che in questa mattinata registrano dei valori positivi sono:

  • Eni. L’avvio settimanale è su valori positivi di 15,372 e anche in questi minuti, il trend conferma un andamento positivo. Il suo precedente prezzo di chiusura era di 15,312.
  • Salvatore Ferragamo. Avvio positivo in questo lunedì 03 aprile 2017, confermato da un trend al rialzo anche in questi minuti. Il suo precedente valore di chiusura era di 28,13.

+500

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*