L’Italia è in ripresa, i segnali ci sono!

L’Istat, L’istituto di Statistica ufficiale italiano indica per il secondo semestre del 2016 una crescita zero dell’economia italiana. Secondo dati recentissimi, di pochi giorni fa, è in calo la fiducia di famiglie e imprese nell’economia nazionale; il dato riguardante le famiglie indica un calo da 111,2 punti a 109, quello delle imprese un calo da 103 punti a 99.

Le imprese non investono, le famiglie non spendono, l’economia secondo l’Istat è ferma, la spesa pubblica continua a salire e dall’Europa arrivano segnali negativi rispetto alla flessibilità tanto invocata dal Governo italiano e sulla quale Renzi conta così tanto. L’aumento dell’IVA è dietro l’angolo e in pochi, ormai, sperano che si possa evitare. La positività è una cosa apprezzabile, ma deve essere supportata da qualche dato che la renda sostenibile, in caso contrario suona molto come una presa in giro ai cittadini.

Come si può, di fronte a ceri dati ufficiali, sostenere che l’Italia è in ripresa? Quale cittadino che non sia uno sprovveduto accecato dal renzismo può ragionevolmente credere in questo? Il popolo italiano merita più di una presa in giro, anche perché ciascun cittadino ha gli occhi per vedere cosa gli accade intorno e qual è la situazione del Paese.

2684_300x250

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*