Diremo addio a Equitalia ma poi come si chiamerà?

Si prospetta una sorta di condono fiscale per gli italiani che hanno pendenze con il fisco. Renzi ha promesso che non ci sarà più Equitalia e già solo questo fa tirare sospiri di sollievo a milioni di italiani, in tanti anni vessati da cartelle pazze o no di Equitalia. Si andrebbe, pare, verso un condono fiscale che consentirebbe agli italiani debitori verso lo Stato di regolarizzare la loro posizione versando soltanto i tributi dovuti, senza interessi né sanzioni.

Certo è una bella possibilità, contando che un tributo non versato di poche centinaia di Euro diventava un debito enorme e insostenibile nel giro di poco tempo. Soltanto un dubbio resta: se si elimina Equitalia, chi provvederà al recupero dei tributi non versati? E con quali regole? In realtà, Equitalia, così tanto demonizzata, si muoveva nell’ambito dei mandati, secondo regole impostate non da se stessa ma dallo Stato.

Certo, magari a volte era un po’ aggressiva e poco disponibile alla mediazione ma il problema non è che si chiami Equitalia o pincopallo, il problema sta tutto nelle regole secondo le quali deve avvenire il recupero, stante che questo comunque deve avvenire.

+500

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*