Come procede il settore del forex dopo le decisioni sui tassi di interesse?

I tassi di interesse Europei restano invariati, questa è la recente decisione presa da Mario Draghi e all’indomani di questa importante comunicazione, abbiamo deciso di osservare graficamente il settore del forex ed i principali tassi di cambio sull’Euro. Rapido sguardo, anche ai migliori asset di due considerevoli settori come le materie prime e le criptovalute.

Cosa accade nel forex all’indomani delle decisioni di Draghi sui tassi di interesse Europei

Uno degli appuntamenti macro più importanti della settimana, la decisione sui tassi di interesse europei e le conseguenze che la stessa può avere a livello grafico all’indomani della pubblicazione in calendario.

Euro e Dollaro, ad esempio, reagisce in questa sessione mattutina dell’08 marzo 2019, con un trend positivo di 1.12064.

Sembra mantenersi, abbastanza stabile e utile per considerare questo tasso di cambio tra i migliori del fine settimana.

Positivo anche il tasso di cambio tra Euro e Sterlina ovvero con range al rialzo di 0.85619.

In lieve ribasso su range di 124.398, il tasso di cambio tra Euro e Yen.

Soprattutto rispetto a quest’ultimo dato, è utile sapere che in questa sessione, sono stati pubblicati diversi eventi sullo Yen che potrebbero averne influenzato il trend di prezzi.

Tra i più importanti, i dati sui consumi delle famiglie italiane e il Pil trimestrale.

Attenzione al Dollaro e agli eventi macro in pubblicazione nel pomeriggio

Dalle analisi macro di oggi sull’Euro e da un rapido sguardo sul calendario forex della sessione dell’08 marzo 2019, possiamo notare che la valuta europea non è al centro di nuovi dati ad alta rilevanza.

Si attendono, principalmente dati a bassa rilevanza che è consigliabile osservare direttamente sullo strumento di analisi del tuo broker di fiducia per una analisi più completa. Al contrario, è il Dollaro ad essere oggetto di diverse pubblicazioni nella sessione pomeridiana.

euro
Sull’euro non si attendono ad oggi particolari eventi ad alta rilevanza. Attenzione, soprattutto al Dollaro per le pubblicazioni del pomeriggio in calendario

Tra gli eventi a cui prestare maggiore attenzione, quelli sui permessi di costruzione rilasciati, delle buste paghe del settore non agricolo e del tasso di disoccupazione.

E sulla Sterlina? Ebbene, anche per la suddetta valuta non sono presenti particolari eventi in questa sessione.

Ciò, potrebbe in parte avere influito sul trend stabile nei confronti dell’Euro.

Viceversa, per il tasso di cambio tra Sterlina e Dollaro, ne notiamo al momento una buona risposta positiva e che è utile da osservare pure nel pomeriggio in prossimità delle pubblicazioni degli eventi riguardanti il Dollaro.

Materie prime e criptovalute, gli asset migliori del fine settimana

Il settore del forex e l’Euro, chiudono la settimana con interessanti trend positivi e almeno per i primi dati della mattinata all’indomani delle decisioni di Draghi sui tassi di interesse, si presenta una situazione grafica stabile. E sugli altri settori? Quale è la risposta del fine settimana? Per prima cosa, una buona risposta grafica, è offerta al momento sulle materie prime. Tra i migliori asset, l’Oro con trend al rialzo di 1293.71 dollari. Anche l’Argento, segna graficamente dei trend grafici positivi, seguito da Platino (con range al rialzo di 817.30 dollari) e dal Gas Naturale (con valori positivi di 2.870 dollari). In ribasso e al momento escluso dalle migliori materie del fine settimana, il petrolio. Quest’ultimo, è infatti quotato su valori negativi di 56.10 dollari.

Come secondo settore interessante del fine settimana, invece, possiamo aggiungervi quello delle criptovalute. Il bitcoin, tra i migliori asset di oggi con trend positivi di 3849 dollari. Valori più stabili e con piccoli ribassi da valutare ancora graficamente nel corso della sessione in corso, per Ethereum e Litecoin. In forte ribasso e da escludere per questo fine settimana tra i migliori asset digitali, il Bitcoin cash. I valori registrati dalla cripto, infatti, sono sotto i 126 dollari e potrebbero esserci nel breve termine degli ulteriori ribassi.

Plus500

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*