Analisi sulle migliori performance settimanali di materie prime e forex

Analizziamo oggi due importanti risultati registrati nel settore delle materie prime e del forex al fine di evidenziarne l’attuale riscontro con la sessione attuale del 12 luglio 2018. E’ infatti importante, laddove individuate delle buone opportunità di investimento settimanale, di continuarne un confronto nel breve termine per osservarne nuovi sviluppi.

Analisi e confronti sul petrolio tra le principali performance settimanali delle materie prime

Per le analisi di oggi, ti consigliamo una lettura del nostro approfondimento realizzato in settimana dal nome i migliori mercati di questa sessione live? Analisi sulle materie prime e forex.

Il motivo è semplice, avere una prima idea del perché questi settori sono considerati tra i migliori di questa settimana con dati che si riferiscono appena alla sessione del 10 luglio 2018.

Inoltre, ne confronteremo i vari risultati per capire chi tra tali asset presenta ancora un risultato utile per un investimento.

Partiamo da uno degli asset più interessanti del settore delle materie prime, il petrolio. Quest’ultimo, aveva raggiunto range di 74 dollari nella sessione mattutina del 10 luglio 2018.

All’indomani della sessione, si è registrato un primo ribasso su valori di 73 dollari. Ad oggi 12 luglio 2018, il trend è di 70,82 dollari. In apparenza sembra essere presente solo un ribasso da parte del petrolio, ma se ci soffermiamo su analisi grafiche nel breve termine ne notiamo un trend stabile e positivo.

Motivo per cui, è utile continuare le analisi nel breve periodo e osservarne le prossime dinamiche di prezzo nelle ultime due sessioni di questa settimana.

Performance settimanali delle migliori materie prime

Restando nell’ambito delle materie prime e delle performance registrate in settimana, tra i principali risultati della sessione del 10 luglio 2018 emergevano argento e rame.

L’Argento, era su valori stabili sulle quotazioni mattutine menzionate e ad oggi, è su valori al rialzo di 15.813. Il rame, conferma in egual misura un importante trend positivo e con riferimento a questa sessione mattutina del 12 luglio 2018, registra valori di 2.7738.

Rispetto al confronto sulle precedenti sessioni settimanali, è poi da notare una prima ripresa da parte dell’Oro. Da valori in lieve ribasso, infatti, passa ad oggi su valori in crescita di 1243.10.

In generale, possiamo notare diversi risultati positivi sul settore delle materie prime e che ne confermano anche in questa sessione tra i migliori mercati finanziari.

Analisi sulle migliori performance settimanali del mercato forex

forex
Il forex tra i migliori mercati della settimana. Ecco le migliori performance registrate

Altro settore interessante della settimana e di cui ci interessa eseguire un ulteriore confronto è quello del forex. In questo caso, oltre alle analisi grafiche analizzeremo live gli eventi macro a maggiore rilevanza presenti nel calendario forex di oggi 12 luglio 2018.

Graficamente, Euro e Dollaro erano su trend abbastanza stabili di 1.1735. Sterlina e Dollaro, seguivano con valori di 1.3227 nella sessione del 10 luglio 2018.

Ad oggi, Euro e Dollaro è su valori più bassi di 1.1680 ma il trend è positivo e merita di essere analizzato nel corso di tutta la sessione per inserire i migliori investimenti online sul mercato forex.

Sterlina e Dollaro, invece, si mantengono su valori più stabili di 1.3202. Anche per queste valute, risulta importante continuare con analisi grafiche nel breve termine per ulteriori confronti nel corso delle ultime due sessioni settimanali sul mercato forex.

Ai fini di analisi più complete, è da considerare che nel calendario economico di questa sessione sono presenti dati a media rilevanza sull’Euro come la produzione industriale. La pubblicazione è in questa tarda mattinata ed è da osservare soprattutto rispetto ad uno dei principali tassi di cambio come Euro e Dollaro.

Nel primo pomeriggio, infine, due eventi macro ad alta rilevanza su Euro (pubblicazione delle minute del meeting sulla politica monetaria europea da parte della BCE) e sul Dollaro (l’indice principale dei prezzi al consumo).

 

Plus500

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*