Analisi settimanali sulle migliori valute per un investimento forex

Il calendario forex è tra gli strumenti più importanti per iniziare le analisi della settimana sul mercato e individuare eventi a maggiore rilevanza che potrebbero incidere su nuove variazioni di prezzo. Ad oggi 19 marzo 2018, sono presenti diversi eventi in merito da poter considerare per decidere come muoversi in termini di investimento. Inoltre, l’intera settimana è ricca di interessanti eventi macro che analizzeremo con particolare attenzione per stabilirne principali trend.

Calendario forex di inizio settimana, le prime analisi sulle migliori valute

Il calendario forex di oggi 19 marzo 2018 parte subito con diversi eventi macro e riguardanti le migliori valute. Motivo per cui, è importante iniziare già nella prima mattinata a individuare quelli con maggiore rilevanza e contestualmente eseguire anche delle buone analisi grafiche.

Ad esempio, tra i primissimi eventi macro della giornata vi sono i dati sulle esportazioni e le importazioni giapponesi e graficamente un trend in lieve ribasso da parte di Euro e Yen e di Yen e Dollaro.

Il primo tasso di cambio, è su valori di 129.917 seguito dal secondo tasso di cambio su valori di 105.847.

Sempre in riferimento ai dati macro di oggi, sono presenti nella mattinata i dati sulla bilancia commerciale Europea e nel pomeriggio i dati sulle aste dei titoli di stato francesi.

Entrambi, sono eventi a bassa rilevanza e che graficamente non stanno influendo con forti variazioni di prezzo sui trend dell’Euro.

Analisi forex settimanali sul Dollaro tra le ulteriori migliori valute della sessione

Continuando con le analisi odierne del calendario forex, possiamo notare eventi a bassa rilevanza anche sul Dollaro. Tra i principali, i dati sui titoli di Stato nel pomeriggio.

E’ infatti nel corso della intera settimana, che si attendono dati più importanti e rilevanti per nuove analisi grafiche come:

  • Sessione del 21 marzo 2018 con pubblicazione di dati sulle vendite di abitazioni esistenti e sulle scorte di petrolio greggio.
  • Sessione del 22 marzo 2018 con i dati americani sulle richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione e sull’indice dei direttori di acquisto del settore terziario.
  • La sessione del fine settimana del 23 marzo 2018 con la pubblicazione nel primo pomeriggio dei dati sui principali ordinati dei beni durevoli.

E graficamente? Come apre la settimana uno dei principali tassi di cambio come Euro e Dollaro? Si seguono, dei trend abbastanza stabili e simili a valori registrati nello scorso fine settimana su 1,2272. Continuarne analisi grafiche nel breve termine e in vista dei diversi eventi macro citati, può quindi essere utile per decidere primi investimenti sul mercato forex.

Analisi settimanali sulla Sterlina,tra le migliori sul mercato forex

Concludiamo le nostre prime analisi di inizio settimana sul mercato forex con dati più specifichi anche rispetto alle Sterlina.

migliori valute
La Sterlina è tra le migliori valute di avvio settimana

Se nella sessione odierna non sono previsti particolari eventi macro, la settimana forex prosegue con importanti dati macro come:

  • Dati dell’IPC annuale per la sessione mattutina del 20 marzo 2018. Presenti anche ulteriori dati a media rilevanza sulla Sterlina che potrai consultare in modo più specifico sul calendario economico del tuo broker.
  • Valori sulle richieste dei sussidi di disoccupazione e l’indice dei Salari medi inclusi bonus per la sessione mattutina del 21 marzo 2018.
  • Dati sulle vendite al dettaglio per la sessione mattutina del 22 marzo 2018 e bollettino trimestrale della BoE per la sessione del fine settimana.

Graficamente, Sterlina e Dollaro sono su valori stabili di 1.3925 che ne rendono utile proseguire tali analisi nel breve termine e nel corso di tutta la settimana in contemporanea al rilascio dei diversi eventi macro citati sulla Sterlina. Su valori stabili e ancora una volta utili da analizzare graficamente per analisi grafiche  forex, il tasso di cambio tra Euro e Sterlina su 0.8808 nella sessione mattutina del 19 marzo 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*