Analisi materie prime del fine mese, ecco i migliori asset

Dopo una settimana caratterizzata da una forte volatilità, il petrolio registra in queste ultime sessioni del mese di Ottobre 2018 dei primi rialzi. Tali risultati, saranno oggetto delle nostre analisi odierne accanto a utili confronti sui migliori asset del settore delle materie prime.

Petrolio su valori in ripresa nel fine mese?

Al fine di comprendere l’attuale risultato sul petrolio, è bene partire da alcuni risultati registrati nel corso del mese di Ottobre 2018.

Nelle prime sessioni del mese, infatti, l’asset era su valori di 75 dollari e registrava importanti trend positivi e migliori performance nel settore delle materie prime.

A distanza di due settimane,  il trend è ancora su valori interessanti di 72 dollari e tra gli asset con buone prestazioni nel settore delle materie prime.

I ribassi più significativi, si registrano a partire dalla sessione del 23 ottobre 2018 con valori presenti di 66,12 dollari e trend che continuano a decrescere anche nelle successive quotazioni.

Ad oggi 30 ottobre 2018, il trend del petrolio sembra essersi consolidato su valori più stabili e su primi valori al rialzo di 67 dollari.

Analisi sulle ultime due sessioni del mese, saranno quindi utili per ulteriori confronti e per studiare nuovi dati del petrolio, tali da includerlo o meno tra i migliori asset del settore delle materie prime nel fine mese.

Asset migliori nel fine mese sul settore delle materie prime

Dai primi valori positivi del petrolio nel fine mese, è interessante osservare anche come ad oggi si presenta il settore delle materie prime e di quali asset potrebbero essere considerati tra i migliori.

L’argento, ad esempio, è tra i dati più interessanti di questa sessione mattutina del 30 ottobre 2018 con prezzi di 14,336 dollari.

analisi
Ecco alcune delle principali analisi del fine mese sul settore delle materie prime

Trend positivi anche su:

  • Gas Naturale. Si presenta in questa sessione di fine mese, con valori positivi e in rialzo di 3.199 dollari, che meritano di essere analizzati anche nelle successive quotazioni per includerlo in eventuali investimenti di fine mese sulle materie prime.
  • Rame. Segue un trend positivo di 2.7198 aggiungendosi ad altri importanti asset del settore delle materie prime con buone performance nel fine mese.

Su valori più stabili e in lieve ribasso, l’Oro. Ad oggi, infatti, il metallo prezioso è quotato su valori di 1224.70 dollari. Nella precedente sessione, il range era su 1228 dollari.

Come investire sul settore delle materie prime, ecco alcuni dei migliori broker online

Il settore delle materie prime, si presenta in questo fine mese con diversi risultati da poter analizzare.  Alcuni di essi come il petrolio e l’argento, in particolare, sono tra le migliori performance di questa sessione del fine mese e tra i primissimi da analizzare graficamente.

E’ consigliabile, prima di investire sul conto reale, di fare una pratica con i supporti grafici forniti dal proprio broker mediante un conto demo.

Quest’ultimo, riprende in modo molto fedele la piattaforma del broker e permette mediante confronti con le quotazioni reali del settore delle materie prime, di individuare con maggiore efficacia quelle che sono le migliori performance grafiche e inserirlo poi come ordine su una piattaforma reale.

Ma quali broker presentano ad oggi la possibilità di poter contare su un conto demo e nel contempo di investire sulle migliori materie di questo fine mese? Noi ne abbiamo analizzati due:

  • Markets.com. Il broker, presenta una ampia offerta sugli asset del settore delle materie da negoziare  e un conto demo molto utile soprattutto per provare gratuitamente gli strumenti di analisi tecnica a supporto dei trader con un conto di trading aperto al suo interno.
  • Plus500. Anche questo broker presenta una ampia offerta di asset sul settore delle materie prime e un conto demo per eseguire dei confronti grafici sui migliori asset del fine mese.

Per ulteriori informazioni sui due broker, ti invitiamo anche a consultare le loro pagine ufficiali e di eseguire le analisi sul settore con timeframe molto bassi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*